Vini di Spagna
Bullas

BULLAS D.O.P.

I municipi di Bullas, Cehegín, Calasparra (parzialmente), Moratalla (parzialmente), Caravaca (parzialmente), Mula e Ricote, così come le pendici alte di Lorca, nel Centro-Ovest della provincia di Murcia, formano la Denominazione di Origine Bullas.

Trattasi di una zona interna, di forte personalità e fascino esotico.
Strutturalmente corrisponde al vasto e complesso massiccio Sistema Betico, che le conferisce un rilievo accidentato formato da altopiani e valli racchiuse fra montagne di considerevole altezza (fino a 2.000 m.).

Il vigneto occupa una zona pianeggiante a scale che salgono, da Sud a Nord, dai 450 m. fino a quasi 1.000 m. di altezza, in terreni di origine Terziario e Quaternario. Sono suoli abbastanza profondi, tranne quando esiste una formazione di crosta calcarea, poveri di azoto e materia organica, ma ricchi di potassio.

Il clima è di tipo mediterraneo, molto influenzato dall'altitudine della zona, con inverni corti ma rigorosi ed estati lunghe e calde durante il giorno, ma con un notevole abbassamento delle temperature notturne, fatto che influenza positivamente la qualità dell'uva. Le piogge, pur non essendo abbondanti, non sono così scarse come in altre zone del Sud-est della penisola, registrandosi livelli intorno ai 450 mm. annui, con una distribuzione irregolare nell'arco dell'anno ed un massimo alla fine dell'autunno. L'apporto di umidità dell'intensa rugiada, è degna di considerazione.

La varietà fondamentale, base della zona, è il vitigno rosso Monastrell che qui trova un habitat particolarmente adeguato, fornendo produzioni equilibrate. è accompagnato, in minore proporzione, dal rosso Tempranillo e dai bianchi Airén e Macabeo.

I vini più caratteristici della Denominazione Bullas sono i rosati, che coprono il 75% della produzione. Sono vini molto apprezzati nella regione di Murcia per la loro eccellente struttura, retrogusto e fruttuosità.

I rossi giovani, di carattere e fruttati svegliano, ogni giorno di più, l'interesse del consumatore. Si elaborano anche rossi invecchiati, ma in scarsa quantità.

La produzione di bianchi arriva appena al 2% del totale.