Vini di Spagna
La Palma

LA PALMA D.O.P.

A Nordovest delle Canarie, in mezzo all'Oceano Atlantico, sorge l'isola di La Palma (conosciuta anche come "Isla Bonita").

A forma di "ascia di selce", con il suo estremo a punta rivolto a Sud, l'isola possiede una superficie totale di 728 km2 e si struttura intorno al più vasto cratere vulcanico esistente: La Caldera de Taburiente, nei cui bordi irregolari si eleva fino a circa 2.500 m.

Da qui il territorio precipita in vertiginosi pendii sormontati da innumerevoli burroni ed alcune zone pianeggianti contornate da numerosi piccoli vulcani nella parte Sud.

Di inequivocabile natura vulcanica, registra episodi eruttivi recenti come quello del Teneguia del 1971, che alterò il contorno dell'isola. Sono suoli profondi e fertili, ricchi di minerali e di struttura media e medio-forte.

Il clima, molto benigno, con permanente comfort termico, beneficia della condizione atlantica e degli umidi venti alisei.
Isola di splendida vegetazione, con dense macchie di pino canario su tutte le pendici e frondoso bosco di Laurisilva. I suoi rilievi, le macchie vegetali, la costante presenza dell'immenso e azzurro Atlantico, avvolti in una luminosa e trasparente atmosfera, giustificano ampiamente l'appellativo di "Isla Bonita".

La Denominazione di Origine La Palma si estende per gran parte del contorno insulare ad altitudini comprese fra i 200 e i 1.200 m ed include tre sottozone:

  • Fuencaliente-Las Manchas - occupa la parte Sud e Sudovest. E' una zona di intensa e recente attività vulcanica, dove possiamo trovare vigne nelle immediate vicinanze delle ancora calde colate laviche. L'originale vigneto si coltiva su terreni coperti ("imbottiti") da strati di ceneri vulcaniche o in misura minore con grosse pietre.
    E' la zona della mitica Malvasia, ceppo che dette grande fama ai vini delle Canarie e che oggi, felicemente recuperata dall'abbandono subito, torna a impressionarci con le sue produzioni: elegantissimi, ampi e di ineguagliabile personalità i "Malvasia secchi" e gli squisiti, sofisticati, pieni di sottili e misteriose sensazioni aromatiche i "Malvasia dolci".
  • La Listan bianca, di maggior produzione, insieme alle altre varietà bianche, origina vini di moderno stampo, di buona consistenza al palato. Seppur in scarsa misura, si producono anche vini rosati e rossi.
    Hoyo del Mazo-Las Breñas: nella parte orientale dell'isola. Vitigni rossi (Negramoll e Listan Negro) si coltivano in terreni lastricati, adottando forme a rastrello, di larghi e sinuosi percorsi. Si producono vini di sorprendente qualità, robusti rossi, ampi, saporiti, succosi e di grande personalità fruttata.
  • Zona Nord-Vinos de Tea: nell'arco Nord dell'isola, in piccoli lotti nascosti tra gli alberi, si producono uve che danno vita a vini molto singolari seppur poco conosciuti. Elaborati e conservati in recipienti di "Pino Tea", acquisiscono le caratteristiche organolettiche particolari di questo legno. Sono generalmente rosati.